Header design by Isola Virtuale

O nero, nero

O nero, nero

Il primo furto da me compiuto è stato quélo de la signora, col pugnale ne la gola quanti schèi che ghe g’ho ciavà! Sinquesento marenghi d’oro mescolati con altri d’arsento e si misero a cuor contento a l’ostarìa a magnar e a ber. Quando suona la mesanote una patuglia di polissia circondavano l’ostarìa, a Santamaria i me g’ha portà. Chi mi ha tradito era un mio amico che di nome si chiamava Nero; io lo...

Leggi

L’insalata a km 0,002

L’insalata a km 0,002

Fare acquisti a km zero ormai non è più solo una moda o un costume da green early adopter. Ormai siamo in tanti. Persone informate, consapevoli, attente a consumare meno pianeta. Quello che ho sperimentato io è, e che in questa ricetta vi consiglio, è il segreto di pulcinella per avere un’insalatata ancora più verde, più vostra, più amica. Ecco dunque la ricetta segreta per l’insalata a Km 0,002 (o anche meno). La domanda chiave è...

Leggi

Sono polentona e me ne bullo

Sono polentona e me ne bullo

A me le domeniche autunnali di pioggia piacciono da morire. Lo so che sembro sono un’alienata mentale, ma questo non è che si debba per forza presumere dal fatto che mi piacciano le domeniche autunnali di pioggia. E’ che le domeniche autunnali di pioggia mi ricordano tanto quando ero “giuovine” e abitavo ancora coi miei e mia mamma , la prima domenica autunnale di pioggia, cascasse il mondo doveva fare la polenta taragna coi...

Leggi

La Colazione Più Buona dell’Universo

La Colazione Più Buona dell’Universo

Quando ero piccola pensavo che la colazione Più Buona dell’Universo fosse il latte scaldato da mamma a bagnomaria nel pentolino sul fuoco di destra (una volta aveva provato a scaldarlo su un altro fuoco, quando aveva lavato i fornelli e quello “giusto” non ne aveva voluto saperne di accendersi, ma non era stata la stessa cosa: secondo me le pentole coi fornelli ci fanno amicizia, è come un lavoro di squadra, non è che puoi...

Leggi

La mia vita per due canederli

La mia vita per due canederli

Non avevo più di 8 anni quando ho rischiato di morire per un paio di canederli. Colpa di un capriccio mio, di un’ansia da prestazione di mia madre, di una nonna teutonica e militaresca. Che però mi salvò.     Ingredienti Pane duro 500 gr. Speck a dadini 100 gr. Pancetta (o luganega secca) 50 gr Prezzemolo Aglio, uno spicchio Latte qb, circa mezzo litro 3 cucchiai di farina bianca 5-6 uova Era l’estate del ’76 quando mia madre...

Leggi
qui